I Detti del toni

El mondo perde la capa  quando metà la core e metà  la scapa.

 

La parola l'è come el vin: la fa sangue se genuina. L'inbriaga se l'è massa.  L'è sensa grado se l'è vecia.

 

Na' versa no la pol dirse rosa parché no' la sponcia.

 

Un coito precoce no l'è filo per botoni.

 

Quando te senti che la sta diventando dura, controla la misura.

 

Quando no la vol andare, smeti de frenare.

 

L'amor l'è la nostra caramela. I tempi ghe cambia la carta ma la storia l'è sempre quela.

 

No ghe tocio che no tenta, la so feta de polenta.

 

La furbissia sta all'inteligensa, come la gianduia a la ciocolata

 

Quando se ama, se pol de più de quelo che se pensa.

 

Il mistero nel piacere sconde el cacio a le pere.

 

La vita le' na fame, che aumenta magnando.

Solo i coioni, cresse comunque.

 

In amore vinse, chi par amore perde.

 

Quando se pianxe se sente de più, de quel che se sa.

 

La parola se distingue da le bale parché no l'hè convensionale.

 

La libertà dei sensa principi, la se ciama solitudine.

 

La vita devente na gabia se te sari la porta.

 

Na serata e un bon contorno, scalda qualsiasi inverno.

 

Chi tien sempre piena la testa, galo sarvel, o galo na sesta?

 

La vita l'è come n'armaro. Te trovi quel che te ghe meti. Sperar che sia diverso, l'è solo tempo perso.

 

La confidensa no la gà da scavalcare, i recinti messi da l'intelligensa.

 

In giro el belo no manca, ma el vale, sel belo no ne manca.

 

La giustissia le' un piato che se gusta, quando nol scota la lengua.

 

Non savemo noare, quando sbagliemo mare.

 

El sesso l'è na braxa, che scalda el pajon ma no la casa.

 

La politica, l'è come chel pomo che tutte le volte tradisse l'omo.

 

Ai tempi del poro limon, per "el toni" si intendeva la tuta da operaio. In particolare, del muratore. Di quella cultura, quindi, sia la saggezza che il linguaggio. Mia, la fantasia.