Gavìo problemi co' la tosa o col toso? Col marìo o co' la mojer, o co' i fioi? Co' la suocera o col suocero? Col vecio o co' la vecia? Col can o col paron? Par farvela corta e par dirvela tuta, l'è qua

 

la Drita: consigliera preferita.

 

Quando i ma’ dito chel me linguaggio testimonia na rassa so' deventà bianca come na strassa. Adesso, cossa fasso? Posso ancora sbatarrme el casso se mi dicono errore perché scrivo col quore?

Na sposada, la me dise chel so omo, ghe nà i maroni pieni de lavorar.

 

Ma cossa gali, sti omani, da brontolar! Cossa sali, delle fadighe dele done? La se pensa, cara siora, che col laor de prima, ora de sera, la gavevo come na balera! Vorria aver visto, al posto mio, che fine gavaria fato el culo de so marìo!  Tasì, omani, tasì! Che avanti e in drio, tutto el dì, le và le vostre done! El lavoro da far. La casa da curar. I fioi dove eli? Gali fato la lession? La suocera l'ha sà perso, el suocero gà bevùo, e, come se la fosse sempre così bela, lo stipendio dele done l'è la solita mortadela! Credì, omani, anca le vostre done, l'è gha piena la balera, ora de sera!

Na pòra tosa

 

Cara Drita: ndarò sposa sabato che vien. Dovarìa essere lieve come un Nadale cò la neve, o come na Pasqua a le Maldive, invesse, so' allegra come na strassa da mesi butà su na terassa. Se da el caso che senta el cor diviso fra nà passion par un certo Nane, (affascinante ma disgrassià non poco), e un certo Gioanin, bravo omo ma solo par l'affetto.

 

Bimba cara: anca i più gran salami prima o poi i fa la mufa, e, par quanto grande sia un pinguino, el dura manco del so' stéco. La scelta, dunque, la se pone, fra ti e un lungo bene, o, fra ti, e un lungo pene.

Fioi in Agfanistan

 

Stamattina mè cascà l'ocio sul giornale. Quel che lè restà al so' posto, el gà leto, porco can, che manderemo dei fioi in Agfanistan. Non sarà colpa gnanca de lori, ma semo prorio sfigadi coi Cavalieri! Non solo el na portà in guera quel de ieri, ma anca con quel de oncò, i xe dolori. Che sia el caso de ciaparse in man le bale, già da ora, prima che i ne le maca, ancora? Intanto che sora ghe pensemo, ve ricordo le parole del me poro Nicodemo, che l'era Colonelo sul Pordoi: Occhio fino e mano lesta, sensa par questo desmentegar, che la più gran difesa, lè nela testa!

El Nino

 

Cara la me Drita: monte dei me sogni. Alba infinita sora el me goder. No te ghè più sorele! Come no bastasse sta carenssa, el piaser cominsia a farse raro, come un matrimonio poco caro. Tò scrito par dirte che su le vie, gnanca coi schei, se trova chi te dise - bona note e sogni bei, - come te fasevi ti. Te devi pensare, (stavo par ndare in leto da tanto ero scoraià), che na sera me so fermà, soto l'ultima luce che gò trovà. Certo, no l'era quela de i to oci, ma cossa se pol pretendare, in sti tempi de peoci.  Comunque sia, no la pareva mal, ma, al dunque che sen rivadi, quel che parea na passara, l'era invesse n'altro osel!  Dala paura, me sà streto el cor (no te digo el cul, ancora come mama lo gà fato)ma l'era così dolce nel so far, (quela figura strana), che no la mostrava diffarensa nell'amar, cossì, sia pur con molta tolleransa, gò lassà che la manovra, sotto la pansa.

 

Nino caro, Nino belo: inconfondibile bordelo de la me gioventù. La ragion sociale la na taia le ale, ma, par fortuna, il sesso lè na passion, chel mostra anca ai orbi, non solo, che la normalità le' na scola, che insegna solamente na' parola, ma che lè anca na' bottega sensa porte, sel coraio de na' voia, l'è più forte.

Un teleutente

 

Un teleutente me domanda, parché la Rai, pur veneranda, le' drio andare a cassoneti, come el gato, che ga' finio i sorxeti.

 

Caro el me deluso. Le “idee alternative” che la cerca, par rimpolpare l’odiens che ghe manca, le’ fumo che no vale la cica, se quelo che adesso ghe cale, le’ na debole spina dorsale.

Un giornalista

 

Un giornalista me domanda dove l'era Dio, mentre la tera del Molise, l'era come l'onda de un mare, chel ga inquarcià de tuto, fuorché el dolore.

 

Caro el me sior: na roba l’è certa! Dio no le’ ne la testa di chi fa le “case de carta"! Comunque sia el caso, cerchemo sempre fora del vaso, quel che gavemo davanti al naso. Par quel che me riguarda, Lo trovo dentro la vita, anca dove le’ maggiormente aflita. El me dirà: se Dio lè amore, lè ben strano paradosso, trovarlo nel dolore. Occio, co le parole! Nel dolore ghe xe l’io! Le’ nel resto, che trovo Dio.

Go' siga' drìo come na mata

 

Go' siga' drìo come na mata: fate pure quela de manco ani, tanto, mi a disnove so' da ansiani, ma go pianto come na disperata! Cossa me dito, cara Drita.

 

Cara la me aluvionada da tanta desolassion! Evidentemente, no gavemo ancora capìo la lession! Quando un omo ne porta del dolore, no le' un amante: le' un tumore! Le' anca vera, cara mia, (dato che non sono partigiana), che le' un tumore anche la dona, se la ga' la mente da putana, ma no l'è el to caso. Par questa distinssion te ricordo na consolassion: par un fiore piegà nel so' vaseto, le' acqua che lo alsa, anca un gran pianto!

Go' leto quel che te ghe scrito

 

Go' leto quel che te ghe scrito a la me innamorata, ma chel poeta che come un'ombra stava e i nostri afani testimoniava, come mai no' la dito anca del me pianto?

 

Caro el me trascurà da na rima mancà. Poll'essare che de ti no la dito gnente parché la to dona sigàva più forte.

Forse parché ecità

 

Cara la me Drita, forse parché ecità, in quela parte la, ma un putelo el me sa sentà vissin, in piassa Bra. No l'era male, ansi, l'era belo, ma, gò pensà: ancora no lo sa, che na bela idea divisa a metà, lè come un lesso sensa pearà.

 

Cara la me sfiduciada. I colori de la vita no i xe de manco dei dolori. Il che vuol dire, che vissin ai to soliti mal de testa, se ga sentà un po' de festa. Cogli l'attimo: deservelada! L'è meio far matina so na banchina ben occupà, piuttosto de farlo, vardando el passà!

Na profe de filosofia

 

Na profe de filosofia, la me dise - anima mia, ti sì poco femminista!

 

Cossa voto dir co sta parola vaga? Che se na dona la dà nei denti i deve ciaparsela nel cul e star contenti? Cara siora, la me filosofia la se basa su l'eterna lota fra chi gà bega e chi gà la pota. Par questo, mi so dona perché la ciapo dal me Toni, e so omo, quando ghe digo: se non te fili drito, stasera, te vè a dormire sotto el Ponte Piera! Allora, cara la me dona, soi contro l'omo, o soi contro la mona? Intanto che te ghe pensi sù fate un paro de limoni. Chissà che non te la finissi de farte dei problemi così cojoni.

Vorìa dirte del me amore

 

Volevo dirte del me amore, cara Drita, ma un’amica, reverita, al me omo la gà offerto un pomo, così, come argomento de sta conversassion posso dirte solamente de la me desolassion.

 

Cara la me dona, tradìa de Nadale da na’ question che la me fa’ vegner le bale da tanto l’è stantìa. Sèto parché i dixe chel primo amore no’ se scorda mai? Parché l’è prima vita. Dal momento che ti si ti’, la prima vita, te sì ti anca il primo amore, quindi, se la to’ amica la ta’ liberà el cuore da na frasca parassita, di che soffri, mia diletta?

Carmela del mio cuore

 

Cara la me Drita. Voio farte na domanda enorme, infinita. El tentatore del Paradiso, fu un serpente, o un sorriso?

 

Carmela del mio cuore! Del Giardino de lassù, i na contà quel che i ga volù, ma, quaggiù, l'omo lè serpente, quando un sorriso, del so' paradiso, porta la dona, a sprecare la mona.

Caro ti, e tanto più caro lu!

Cossa pola dir sta pora dona che de politica no la val un mona, sul conflito de interessi del Berlusconi: i so coioni! Tuttavia, la ghe sarìa la maniera de salvar chell’omo dal legittimo sospeto de smissiar i cassi sui con queli dell’elettorato. Bastaria che tuti i guadagni li dasesse via, almanco fin che resta el capo de sta partìa.

Biondo e bello in viso

 

Biondo e bello in viso, come un oxel del Paradiso, ma un fià, un fià, cara Drita, da stoffegar la vita!

 

Cara la me sopravvissuta par passion ai gas de la digestion. Quando el me Toni el gà el fià un po' acidin, ghe fasso na cura de aseo e rosmarin. In quella fase, se non altro el tase.

Da le letare che gà mandà i cristiani

 

Caro sior: da le letare che gà mandà i cristiani se ne ricavaria che le gente spaurìa dal fato che la vita no la va solamnente drita. Capisso che sta guida possa anca far timore, ma se l'è salda la fede nel Signore perché mai i pensa chel Guidatore, no sappia vedare el buron! No capisso sta cristiana contradission. O, meio, la capisso solamente, se i cristiani usa el Cristo, par rinforssarse el caregòn ma, cosa centra Cristo, (che l'è amore), co na scristiana voia de potere? L'è certo che sta opinion la podaria essare sbaglià, ma, dov'è la verità? Quando i ghe l'ha domandà, Cristo l'ha tasù, eppure, l'era Lù! Questo vol dire che no lo saveva? No. Questo vol dire che la verità no l'é nele parole. Alora, anime bele, pensemoghe sù, prima de dire ai altri viaggiatori che no l'é giusto che i vaga dove i vole lori.

Me ga scrito un ballerino russo

 

El me dise chel girava così in tondo, che no ghe stava drio gnanca el mondo. Giunto al massimo de la so cariera, cossa podeva darghe, ancora, la Tera? Cossì, el ga molà tuto e le' andà a balàr par l'Infinito! Le stele le se mete sempre da na parte quando ghe toca a lu de fare la so arte.

El me Toni, stamatina

 

El me Toni, stamatina, el sa sveià co na voia de limoni. Cossì, ancora mezza addormentata, gò dovùo farghe, nà... grossa limonata. Toseti cari: che vergogna! A la me età ancor sta rogna! Voialtri giovanetti, come sio messi coi… pessetti? In attesa che me disè la vostra situassion ve ricordo el ritornelo de na' vecia canson: se l'oio non lè in temperatura, frisare el pesse l'è molto dura, ma se l'oio scota el dèo, metighe de tuto fuorché l'òseo.

Un caso del... coso

 

La lunghessa del... l'è strano caso. L'è misura sempre ardita chi ne porta vita, mentre, per chi ne  porta del piasere, è faccenda da vedere.

Caro el me Diego

 

Cara Drita: la mama no l'è un bigiù, el papà l'è assente, la Tv l'è deficiente, e mi uso la manina parché no gò na' me bambina!

 

Caro Digo: siccome no te voio esser greve, sarò breve! Primo: la to' età l'è ancora da matina, quindi, gnente freta: la rivarà anche la bambina. Secondo: la manina no l'è mai sta na festa ma solo un tranquillante par la testa! Par quel che riguarda i tui, gnanca mi posso de più parché el telecomando l'è par la Tv.

L'era fredo la vigilia de Nadale

 

Cara Drita, l'era fredo la vigilia de Nadale, ma lo stesso gò ciamà la polissia, e all'imbriago che gavevo in casa go' mostrà la via. El cuore me reclamarìa ancora de la carità, ma, no go' più fià!

 

Cara la me dissanguada da na scelta intossicada. Da un alcol che sse beve un omo non sse ricava gnanca el scataron de un pomo de la Val Venosta, quindi, dirìa basta! In quanto al cuore, ol bate secondo la mente ol fa dani! Onde evitarghe l'occasion de parlar par gnente, l'è meio che te lassi chell' omo nei so' afani. In certe situassion, infatti, trovo  verità nel detto: rua - rua, a ognuno la vita sua!

Quando l'è finìa

 

Quando la storia l'è finìa, che silenssi, cara mia!

 

Cara la me impressionanda da na parola mancada. Le parole in amore no'  le se alsa o le se sbassa secondo el cuore, ma secondo la luna; proprio come el mare, quindi, o noàre, o negare.

Cara la me dona!

 

La Natura de na volta la gaveva l'età de l'omo. Adesso, invesse, la sembra chel pomo che i dixe "invernale", parché el par maturà con quel che xe restà.

 

Cara la me vestìa de na stagion finìa. La to opinion l'è anca vera, tuttavia, la me par massa nera, sse solo te pensi, che par fare chel fruto, anca Lù el ga impiegà, non meno del tempo che ghé bastà.

Un butelo

 

Cara Drita: amo, e pensaria anche amato se no fosse che par la me dona sono poco dotato.

 

Caro fiol, se a la to dona no ghe basta la to onda, che la vaga a stracassarse da n'altra sponda, ma, ti, se la to passion l'è un frutto amaro, cossa spetito a butarlo sul loamaro? Certo l'è, che sel me Toni me disesse che gò le labbra poco spesse, o le tete fin par tera, l'avaria mandà a cagar da mane a sera, invesse, con un po' de fantasia, (e usando i me limoni), come a ventani, femo ancora i coioni.

Cara mia

 

Cara mia, devo proprio confessarte che ne la me vita te si l'unica roba che no va' storta, ma xa che jero par la via, so andà a farme benedire da na dona pia.

 

Cara la me sconsolata. Non so chi la sia sta dona pia. Ne che acqua la spanda par benedire gli infelici, ma, verxi ben i oci! L'acqua benedeta da qualsiasi pia dona, la fa miracoli solo par i mona.

Cara  la me  tosa, pensierosa.

 

Cara la me Drita: t'ho visto passare ieri sera. Co la camisa in fora. Te sembravi na bandiera. Mi jero sul balcon. Gavevo del magon.

 

Cara la me tosa, pensierosa. El magon l'è come un'ombra senssa palo. Che senso galo? Invesse de ruminar su quelo che no ghè, alssate in piè!

Da Cantù,  Roberto Gheno De Più

 

Cara Drita, el problema che ghe espongo, lè nel fato, che quando fasso l'amore, la me dona siga dal dolore!

 

Caro el me fiol, quando na machina lè granda, ma el garag l'è streto, la se mete dentro, secondo la regola de n'amico mio: un po' avanti e un po' indrio, un po' avanti e un po' indrio. Certo l'è, che la to dona sigarà de manco, se te la smetarè de darghe dosso, come se la fosse un fosso!

El Tonio

 

Cara Drita: nò lè che son scontento del moroso fiorentino, ma lé, che dopo l'amor, sto qua, el se lava el cul sul lavandino!

 

Tasi, che la te' nda ben! Pensa chel marìo de n'amica mia, ghe scalda, la... panara, col fon da parucchiera!  Immagina la scena! El marìo col fon in temperatura, e, la moier, tutta in meso a un vapor, che la siga - amooorr? amorrr!!!! Caro el me tesoro: l'amore, el vede coi oci de la mente! Da ciò se ne ricava, che le' orbo se no la val na' fava!

Domenega se sposa la Mena

 

Domenega se sposa la Mena. Non la sa se le' incinta, ma la dise che lè piena. Di fronte a tanta oca, me' scapà el fià de boca! Da dove ero sentà, so parfin cascà!  Tesoro santo, tesoro belo. Cossa mai ghe contareto al to putelo? Che t'ha riempio la so grassia, non l'oselo!

Giorni fa gò ciamà l'idraulico

 

Gavevo la caldaia onta. El me la netà. Adorati fioi de strope! Sio sempre drio pensà a le ciape? Comunque sia, par diese minuti de pulissia, centomila, signora mia. Ah! I tempi no i sé più queli de na volta. Centomila ogni bòta, (e non se sa quante volte al dì), non le ciapavo gnanca pelando osèi ai tempi bèi de la Torricelli da Forlì. Ecco! Se non savì cossa far dela vostra vita, fasì gli idraulici. Mal che la vaga, peso de così, ghe so andà solamente mi.

Caro el me Stocasso

 

Caro el me Stocasso: felicità del sesso se gavesse i ani de na volta. Solo par sincerità te digo che ero bela più de quela che stava a Troia! Se l'è vera chel tempo m'ha lassà solamente el nome, della località, l'è anca vera che no gò nessun rimpianto par quelo che l'ha tolto, tuttavia, gò sempre el core in man, così, no ghe geranio e gnanca rosa che i valga quanto mi, come morosa. Per tanto, me piasaria, sinceramente, corrispondere d'amor con ti, mente a mente. Mi te diria che te spèto sul balcon. Ti, te podarissi anca dirme, che sensa de mi, la to vita sarìa tuta un rabalton. L'è vera! Con le parole no se scalda batelon, ma, ghe xe sta anca chi, che con un paro de rime in fiore, i gà saltà così tanto la so' storia, da deventar memoria.

Caro el me Romeo

 

Cara la me Drita: del me paradiso la più bela porta. Quando go' leto el to invito go' pensà: ecco la me Giulieta, ma el cuore, (chissà parchè nervoso), el ma' sigà, (cativo), tasi, mona! Cossa vòto dirghe ti, a stà gran dona! Lè vera! A la me pora Filomena, (che la staga sempre in gloria, par carità!), no ghè che gabia mai cantà l'amor che ghe dovevo. La gavaria pensà: el sa' imbriagà!  Ti, però, co sta' storia del balcon te me sveià l'età, così, stanote, me so sognà che da sòto te cantavo: "Son fili d'oro i tuoi capelli...". Non me ricordo el resto parché me so' sveià, a causa del... pargolo, bagnà!

 

Caro el me Romeo: felici i to' ani, se el... pargolo, no sa' bagnà par na' question de reni!

Par quanto la carosseria

 

Cara Dita: giunto a metà de la salita, me domando come portare avanti el resto de la vita. No gò problemi ne le motivassion, tutt’al più, su come affrontare i costi de le risparassion. Se par farle so’ senssa schei, quanto è giusto che le paga i fjoi, se questo piega el so’ destino, sin dal mattino? Se pol domandarghe ai fioj de la carità, e non domandarse a che costi i te la da’? A fronte de na risposta che no l’è ancora rivà, come fasso a volerme ancora sano se quel che par mi l’è vita, par altri, l’è un dano? Certamente bisogna avere fiducia nel futuro, ma, intanto, a quanti fioj, ghe lo fasso duro? Me domando dove inizia la comunion sociale, e dove la finisse par rompare le bale, sel Diritto nol precisa quanto posso avere senza sentirme el parassita, de che la vita? Dal momento che par così, de fato, parché nol dixe chiaramente che posso avere sensa ledare el contrato, tanto quanto posso pagar l’afito? Stante, sto inevitabile marcà, i dovaria permetarme de passare ai fioj la vita mia, almanco sensa ipocrisia.

 

...

Gheto sentìo

 

Cara Drita, gheto sentìo de che la casa, che senssa un parché, ghe se brusa i còpi e anca i piè? I pensa pure chel sia el demonio. Ghè parfin un prete chel dixe: testimonio!

 

Cara la me ciapada male da un sospetto de sopranaturale. Par mi, i xe solo i marssiani che vol farne capire: testa dura, tieni da ti la to spassadura!

La  Nuccia

 

La me dise, che no la ga più fiducia, e che la se alssa la matina come un abat joùr sensa lampadina.

 

Cara la me putina! Tuto el mondo sà che dovemo ritrovare de matina quelo chel nà ciavà el giorno prima. Il che vuol dire, che sel nostro abat joùr lè sensa lampadina, dovemo metarghene una nova o, inventarse na manfrina!

So' l'Ingegner Fritata

 

Cara la me Drita: so' l'Ingegner Fritata. Sarà anca par l'età, ma la politica che ga tocà sta epoca la me pare un tale sigamento de opinioni, che no' se distingue più i torti dalle ragioni. Cossa polo fare un eletore, fra così tanto clamore?

 

Caro el me Ingegnere. Sarìa molto semplice dirghe: "el segua el cuore", ma, anca lì ghè dele robe un po' così. La vita, l'è vera, le' fata da na moltitudine de voci. Come, no diventare mati? Dirìa, considerando che tute le cose, quando le xe massa, le deventa n'over dose, quindi, la verità, sta nella quantità che no ferisse nessuno, parché no la lede, la fede de ognuno.

Go leto che na voce divina

 

Cara Drita. go’ leto che na voce divina l’è sta becà co’ la marijuana. Anche a quela la, ghe tocarà andare in Comunità.

 

Cara la me preoccupada da na legera canada. Non so parchè, ma sta storia me ricorda che certi osei i canta ancor più bei quando i xe privadi de la vista. Me domando come la cantarà, che l’anima orbada da la so’ diversità, quando, in Comunità, i ghe darà quela de la normalità.

Lettera a un soldà in partensa per l'Afganistan

 

Tesoro caro: diploma de to mama. Dopo averte guarda ti, gò vardà el me Toni. Me so dita: par fortuna gò i limoni!  Te immagino fra le piere. Se no se cava sangue da le rape, figurate da quele ere! Me domando sel sogo vale la candela. Forse par na donna no, ma el mondo l'è rotondo e non l'ho miga gira tuto. Vorria tanto essare na bersagliera. Fra mi, ti, el Toni, gavarissimo sa finìo la guera!  Ora, bando a la tristezza, cara la me belessa. Butemo via i dolori e metemo in alto i cuori!  Te racomando, stammi sempre allineato e, sopratutto, coperto! Telo digo in italian, proprio perché gò el core in man!  Dato chel me Toni l'è girà da n'altra parte, te mando un baso, forte - forte.  Apena te lo senti, sarà i oci, pensa che gò i to ani, cala i affani e vardate intorno ma senssa sbassar la mira!  Ghe anche dei Agfani che non la pensa come mi: par ti, Cesira!

Imbriago d'amor, ma' scrito, uno.

 

Cara la me Drita: me so' innamorà de un ragasso, che, in tuto, no' le' che un fasso de povertà, però, non lo lasso, gnanca se dovesse finir nel cesso!

 

Caro el me imbriagà, da un amore così passionà, da non farte capire che la merda è il dolo, dove finimo, quando sbagliemo volo.

So' drio innamorarme de na dona

 

Cara Drita: so' drio innamorarme de na dona! A tutto gavaria pensà, ma non a na' mona!

 

No capisso la question, rabaltado corasson! In ogni caso, cori dove te porta el cuore, ma non desmentegare la borsa che aiuta a ragionare! Che no te me fassi come i putini, che i se trova sempre nei casini parchè no i bada a quel che ghe dise el sarvel, da tanto i xe ciapadi da la metà del ciel.

Un Francescano

 

Cara Drita: quando canto la Parola in gregoriano, vedo la terra così da lontano.

 

Non ghe cito l'esempio par fare un paragone irrispettoso, ma, anca mi, vedevo la vita distante quando avevo la mente ciapada dal moroso. Le' da un tòco che non canto più - Fiorin fiorello - e le' da un tòco che non me ricordo più se l'era bello, parché, adesso, tutto tace. Nol ghe credarà, caro padre, ma no ghe' canto che valga sta pace!

Cara zia

 

Te dirìa aflita anca la me vita, cara zia, ma, non sarìa la prima volta, che me conto na bugia.

 

Cara la me aflita par recitassion! Fra i capaci de svacare i momenti poco boni, ghè quel ramengo da cojoni, chel spacia par poesia, ogni cassada de la vita mia. So chel voleva darte un campion de la so parte, ma, dopo averlo leto lo gà butà via parché el ghè pensà, che na verità, solamente colorà de rosa, lè ben poca cosa par quela che par na tosa, ma non se sa.

Me stavo domandando

 

Me stavo domandando, cara Drita, cossa significa "casa". Me so' da un careto de bla bla, ma, gnente me bastà!

 

Cara la me sfratada da le normali convinssion! Casa, l'è el luogo de la nostalgia, de quel che eravamo prima de ciapar sta via.

Uno in confusion

 

Cara Drita: quando i ne ama, da cosa lo capimo?

 

Tesoro santo, metemo che l'amore sia come un mare. Capimo che i ne ama, quando, quel mare, ne permete de noàre.

La Giulietta

 

Me so' innamorà! Me par de essare deventà na scimieta ammaestrà, ma, no te digo la felicità!

 

Cara la me Cita: da i oci de un butel miracolata! Chissà parché, la storia dei altri le’ sempre quela, mentre la nostra le’ sempre bela in modo particolare. Che sia parché el cuore, el dise sul nostro amore, quel che ognuno vol sentire? El mio, che le’ vecio non da poco, el ma dito na roba che ma’ lassà de stuco: l’amore è amante che insegna, l’amante è amore che impara.

Un autore

 

El me dise, chel so' amante lè come un saco pien de gnente, nonostante el gabia da di che far grande la so' età.

 

Caro el me scrittore. Forse no te ghe ben vardà dove te meti la to vita. Se chel saco lè sbusà sul fondo, l'inutile fatica è chiara al mondo.

Ma pensa ti sti americani!

 

Ma pensa ti, sti americani!  Da poco più de sento ani i xe scampai su na garavela come i pori cani, ma xa i sse sente così sovrani da dire ai iracheni: al posto de un bruto ditatore ve daremo un bel governatore. Intanto che pensavo sora a tuto sto disdoro, no me ssa brusà el pomodoro!

Don Panssòn

 

Cara Drita: vedemo sse te si bona de darme na risposta. Come mai, fra i profeti, no ghe mai dotori?

 

Caro Don Panssòn, te rispondo nel tempo de na' genoflession! Fra i profeti no ghe' mai dotori, parchè i sa xa' tuto lori!

Un putin

 

El me domanda se conosso chi ga fato un tuto che ghe pare tanto privo de costruto.

 

Amore caro, la to domanda lè più granda dei pieroni che gò spostà par arivare fino a qua. Par questo, non savaria quali paroloni usare par sodisfare la to curiosità.  Di fronte a domande più grande de Lu, un certo Piera, el ga dito: Gesù!  Eco, par cercare chi ga fato sta grande vale, anca ti te podaressi partir da lì. Certamente ghe dei altri punti de partensa, ma siccome gò viaggià poco, porta pasiensa se te paro un oco.

Secondo mi

 

Cara Drita, secondo mi, Dio l'è nel creato; e questa è la vita.

 

Caro el me panteista. Dio l'è nel creato, come un so' scrito no l'è Eugenio, ma quel che l'ha dito. E, Dio, l'ha dito: vita. Che la vita sia deventà na rosa, l'è tutta n'altra cosa da quel che l'è restà, primo soffio, là.

Me pensavo prigioniera

 

Me pensavo prigioniera de do' goti de barbera, invesse, (destino ridanciano), fora dal branco, uno, el m'ha reso el magon, come na bala de saòn.

 

Cara la me recuperada da na piega sbagliada. La pianta de la vita la ga infinite foje, parché le' alimentada, da infinite voje.

I dixe par un malor da medissine

 

Cara Drita: gheto sentìo de la Gabriela? La sa butà! I dixe par un malor da medissine. Fatto sta, che so rimasta sensa parole, senza fià.

 

Far processi alle motivassion l’è sempre na follia, cara mia. Par i gesti che no gà solussion in genere me rispondo: el fato, el mondo. Dopo di che, taso e me soffio el naso. Pararia par rafredore, invesse, l’è l'influenza: al cuore.

Go visto do' vecioti

 

Cara Drita: go visto do’ vecioti intorno ad un quadrato de tera: duura! I pareva sposadi da la speransa de far cressar la verdura: ancora!

 

Cara la me ciapada da l’idea che le passion da morosi, la vale anca quando ghè l’artrosi. Me par proprio de vederli i to’ pensionati. Li vedo mentre i cava i sassetti; mentre i buta un rameto, seco, poareto come el fosse un dispeto. Li vedo, su chel tòco de tera, mentre cala, solamente la sera.

Giòele

 

El me domanda come go' passà el Nadale.

 

Caro el me Gioele! Lo' passà, come la cana, che se china soto la piena! Quando sarò de la', trovarò ben chi gà inventà, ste feste. Te giuro sul me Toni, che tasarò, solo quando no gavarò più sugo nei limoni! No, seto, parché so contro la felicità de la gente, ma parché no le xonta gnente a chi ghe na', mentre le tole core a quei fora dal marcà! Eco! Le' la gioia a comando, che no me piase de sto' mondo! Pensa: par tuto l'anno scarpioni, ma ne le Feste tuti boni! Da sto' periodo malcunà me salva le parole del povero Fulgensio: trova el Nadale nel to silensio.

Quel fiol de un pito

 

Cara Drita: da quando ghe vita, se la dona la ga le sso robe, la voia de l’omo la speta. Seto invesse quel chel m’ha dito chel fiol de un pito?! Ndaria da na moreta!

 

Cara la me trascurada da na teneressa mancada. La to letera me fa proprio pensare che, nonostante tuto, l’omo non distingue differenssa fra afeto e difeto, quando ghe gira l’anda, de metarlo in… banda.

So' quel fiol de un pito

 

Cara Drita: so’ l’omo de quela che t’ha apena scrito. Lè anca possibile che no sapia distinguere la differenssa fra afeto e difeto, ma certo so distinguerli da un cassoneto! Prova ne sia el fato, che go’ preferio sassinarme un diel, piuttosto de tocarghe un pel, quando la me ga negà, na parte de la sso qualità.

 

Caro el me amante, che le’ drio far quaranta dì de gesso, solamente parchè l’ha pensà, de essar sta tratà da fesso. Anca a mi mè capità de negar de la qualità al me Toni. Nonostante ciò, stasera ndemo a cena e dopo a balar. Par el resto de la festa, vedaremo ben, quanto fià ghe resta. Con questo voio dirte, che, amare, le anca un saver spetare quel che l’amante te da, pienamente, tanto quanto no te ghe meti condission, ne la mente. Nel saludarve caramente ve ricordo la regola de Santa Tresca: quando l’amore lè in burasca, tegnì le man in tasca.

Cio, ciiio, cio ciiio.

 

Cio ciiio, cio ciiio. Cìo ciìio, cìo cìiioo, el me faseva avanti e indrio. La chioccia de un pulcino me pensavo. Ghè bastà n'occasion diversa, e me la so' ciapà, dove bate el suol quando andemo co' la testa.

 

Cara la me ferita! I amanti che soga a fare i pulcini, quando i xe nei casini, i morsega come chel can che i dise manaro, non appena i ga' modo de lassare el pònaro. Impara l'arte, ma, non inacidire la to parte!

Go' visto sul giornal

 

Caro sior: go’ visto sul so' giornal la marea dei no – global.  Mama mia, (me sso’ dita), quanta vita.  Visto chel presente gà mostrà el coragio de andare avanti, el cuore me salìo ai piani alti.  Dove so rivà, na voce m’ha ricordà: i paroni sarà sempre quei, ma, vox popoli, vox dei.

Un'anima ferita

 

Cara la me Drita, go visto un'anima ferita scender le scale de la me vita. A quela veduta saravo la porta, ma, impotente, non l’aorta.

 

Cara al me Infinito! Defendate da la compassion, se la te porta come bene, solo rovina, dentro le vene.

El stipendio de me marìo

 

Cara Drita: el stipendio de me marìo le’ come un gambaro: el va avanti andando in drìo. Altro che diese piani de morbidessa! De sto passo, usaremo ancora el giornal, quando andremo al cesso!

 

Mi go’ fato la prima elementare. Delle economie da stratosfera no capisso na’ balera, ma, anca chi non xe Cavaliere sa capire chel Marcà canta ricchessa quando se pol spendare sensa tristessa. El Marcà che strossa, invesse, le’ come quel cretino chel sega el ramo de pino dove le’ sentà. Rifletta il Damato: ogni schèo chel gà risparmià lè na merce che ghe restà! Ogni schèo che ghe par d’aver regalà, in effetti, el ne la solo imprestà!

Un torello che se la tirava

 

Cara la me Drita: un torello che se la tirava più che de bruto, è ricaduto, nel sorriso dell'amato.

 

Cara la me spiona dai sassinadi da la mona. No' ghe toro che resista al decoro dell'amato. Tanto più, se la passion le' tuto un giro de motivassion, smissiade nel bicère che lè antico come le ere: el cuore.

Da le letare che gà mandà i cristiani

 

Caro sior: da le letare che gà mandà i cristiani se ne ricavaria che le gente spaurìa dal fato che la vita no la va solamnente drita. Capisso che sta guida possa anca far timore, ma, se l'è salda la fede nel Signore, perché mai i pensa chel Guidatore no sappia vedare el buron! No capisso sta cristiana contradission. O, meio, la capisso solamente se i cristiani usa el Cristo par rinforssarsse el caregòn, ma cossa centra Cristo, (che l'è amore) co na scristiana voia de potere? L'è certo che sta opinion la podaria essare sbaglià, ma, dov'è la verità? Quando i ghe l'ha domandà, Cristo l'ha tasù, eppure, l'era Lù! Questo vol dire che no lo saveva? No. Questo vol dire che la verità no l'é nele parole. Alora, anime bele, pensemoghe sù, prima de dire ai altri viaggiatori che no l'é giusto che i vaga, dove i vole lori.

Che ovi de lata

 

Cara Drita: so’ sta Pasqua de ciocolata ghe xe solo ovi de lata. No se pretendaria de le grandi rose: solo vere cose.

 

Cara mia: pessimista de mattina, grigeta giornatina. Proverbio a parte, pol essare che i ovi de lata che te rimproveri a sta giornata, i sia come le spine ne le rose: le ne ricorda che anca quel che l’è più bèo, el ga de che sponciare un dèo.

Caro el me Adone

 

Un toxato el me dise che su na panchina di fronte a lu', sa sentà na vecia birichina de Cefalù.

 

Caro el me Adone: tentata sedussione de un vecio platone. Non volergane a chi ghe prova. Essare desiderati, sia pur da un... oma, le' pur sempre el diploma che atesta che dei tanti fati de l'amore te si comunque el cerin che ocore, ma, anima bela, non par questo te ghè da tacar ogni candela!

Me so' licensiada

 

Cara Drita: me so' licenssiada de bruto, da chel cornuto del paron, dopo che go dito che la so' cansson no l'incanta più gnanca i semi chel ne crede lu! Conosso chel povero deficente, chel spergiura anca su l'Infinito, pur de ricavare un po' de struto! E, pensare che la storia ga sempre dimostrà che ogni potere deventa solo merda, su le so' pere!

 

Cossa vòto che te diga! A la to lengua felicità, mia cara! Par quela dei paroni, lassemoghe dire che la ricchessa pò tapare la boca anca a la vita. Beli o bruti, che nò le vera se n'accorxeremo tuti.

Adesso, i xe i toseti!

 

Cara la me Drita: te ricordeto de che la vecia pita, che un putel ga’ reso rimbambita? Pensa, nol ga’ fato, a chela mata, na scenata, de gelosia? Cara mia: el mondo sa’ proprio rabaltà! Adesso, i xe i toseti, gelosi dei veceti!

 

Cara la me spetegolessa desmentegona! I toseti, i xe sempre sta’ ciapà, dai veceti. Non tanto perché boni, non tanto perché noni, ma parché muri edificati, non senza pecati.

Casta diva

 

Cara Drita: quando go poca piva ascolto sempre la Diva. Casta la me rimasta, per quanto el mondo diga.

 

Cara la me amara: quanto l’è vera! Anca el più piccolo filo de la so voce bastava per toglierne dal cuor, la pece. Me piase pensare che nel coro divino, la Ghe sia al cuore, un più vicino pulsare.

Scarso, ieri sera.

 

Cara Drita: go' trova n'amante, ieri sera. Scarso come l'era, go' rinuncià al piaxere, e go' da' da magnare.

 

Caro el me pelandròn, co' la mission de solleticare certi posti, ai più sbandati. Cossa vòto che te diga! Tanto, te fe quelo che te pare, cioè, amare.

A noi la Verità?

Caro sior: del relativismo, se pol dire, che l’è la virtù di chi cerca de capir de più, vardando in proprio, verso l’Unico, lassù. El guaio l’è, che se sta autonomia ciapa piè, ognuno me deventa pastore del so' sé. Nulla di male, se non per el fato che la gà el difeto de essare fatale per ogni dominio di tipo papale.

Un'incassada

 

La me dise, che la fola de la "Drita", lè tuta na monada, e, che i maghi, le fatucchiere, e le varie consigliere, le dovaria essare sepolte da passate ere.

 

Signorina, ghe dago ragion, su tuto l'andasso, che la dise sora, ma (casso) parché in via Massini, tutt'ora, ghè dei omani, (o, meio, dei putini), che, (ancora?!), par cambiar la sorte, i se fa tentar dal sogo co le tre carte?Ora, o la me dise tute le risposte, a le domande de sto mondo, o, par darse na calmada la se fa na gran velada! La me creda, par capire i significati de la vita, anca questo, aiuta.

Le parole chel gà scrito

Caro sior: de sta letera so solo ambasciator. Su chi pol averghela mandà el ghe pensa lù. Mi, cossì la gò ciapà, e cossì ghe la gò girà!

 

"Le parole chel gà scrito le xe cossì bele, che le gò leto anche a le stele, ma, anche quele le ssa meraviglià del fato che nol gà capìo che da quela posission no podevo miga fare na lession!  Vedemo se con questa spiegassion, riesso a cavare i dubi ne la sso ragion. Se, Padre, è la vita che origina la vita, ciò vol dire che anca la vita l'è genitore, quindi, gavevo inteso dire: vita, parché te me ste par abbandonare? Di fronte a la paura de morire, l'è vera che la me umanità la sa' piegà, ma, sull'amore del Padre, no go' mai dubità!"

Un toso sa' vantà

Un toso ssa' vantà chel so' amore le’ tuta na' sinfonia del cuore. Noialtri, più avanti de età, savemo chel toso sa' vantà de una roba chel conosse solo a metà. D'altra parte, par farghe capire che l'amore no lè tuta na dolce menata, ghe vole quelo che forse nol gà: n'amata!

Che tirada sti' auguri!

 

Cara Drita: so' andà dall'edicolante. El ma dìto: feste tante! So' andà al supermercà: bon Nadale, anca la'! So' andà dala farmacista! No go' fato in tempo a dirghe: voria na' confession… che anca quela la ma dìto: Bon Nadale, e, consolassion!  Signore, (dei tempi duri!), arieco la tirada dei auguri!

 

Caro el me stufà de discorsi un tanto a fià! In vero no' capisso, tuto sto' sfoggio de nadalità. Con questo, non me fa dispeto sta' liquidassion de beate intension. Quelo che me turba la passion, l'è el magon di chi subisse sta' tiritera, anca quando la ghe va' nera. Se fossi el Creatore, a Nadale torìa de meso le parole! Nel silenssio che subentrarìa, ascoltaressi, finalmente, la voce mia.

E' Pasqua, cara Drita! Me so sveià, co' la voia de felicità.

Se la sorpresa del to' ovo, lè sto' senso novo, cara Lela, no' pol essare più celeste, la to' scarssela!

No capisso me moroso. El ga quasi quarantani ma col sesso el par un toso.

 

Cara la me sorpresa da un omo che non sa far la spesa! Quando infante l'è la bega, o no te ghè amante, o te ghe na sega. Tutavia, pol essare chel sia ancora da sveiar. Invesse de scrivarme, date da far!

Pensavo all'eternità

 

Cara Drita, stavo pensando all'eternità. Te go' immaginà, molto al de la' de sta parola qua.

 

Caro el me Romeo! El senso de l'eternità, l'è di chi cerca, vanamente, l'Infinito, nel so' gnente.

La Beatrice

La Beatrice! Grande dona. Grande mona. Grande attrice. La me dise che l'era stufa de fare l'arte cò la lengua e co la… sòla, parché ghe pareva de essare deventà l'oficina de manutenssion de tutti i sporcaccioni da recitassion che ghera in giro: vuoi de queli veramente dotà, vuoi de queli scalcagnà. Sicome la sa' stufa', la gà deciso de recitar coi butei de l'oratorio. Le vera che i la ciama solo Beata, ma l'e anche vera che non i la trata, come se la fosse un pisciatoio.

Sentada

 

Sentada, a lato de na strada, quieta, da sembrare indormessada, vardavo la caminada dei uscidi da l'Arena. Quanta varietà, nela quantità! Go' pensà, che solo una mente infinita, pol disegnare così tanto la vita.

 

Mia poetessa: in tanta delicatessa, cara! Le' vera! Chissà come la ga' fato, a farne così tanti, eppur distinti, senza par questo, perdare par via, l'originale fantasia!

So ciapà in maniera strana

 

So ciapà in maniera strana da na' faccia non puttana, ma gnanca... sana! Te allego la foto del puteloto. Dime ti, se nol merita un gòto! Il tuto nonostante, no me scalda quanto basta, la mente.

 

Cara la me sospettosa su na foto golosa! Lè vera. El meritaria ben, n'ammaina bandiera! Comunque sia, a quell'età molto se perdona, purchè no la sia, na storia mona!

Gheto presente i bisi in tecia?

 

Cara la me Drita: gheto presente i bisi in tecia?! Mai na' volta, che i me vegna a recia!

 

Cara la me apprendista nel trattar co' i bisi. I va' butadi ne la padela con appena un po' de acqua, un ciodo de garofano, un po' de dado, oio, sale ed in fine, anche se la question vien faslsificada, na leggerissima insucarada. I va' coti a fiamma temperada perché i bisi xe duri de fora, ma dentro, un gnente de muscolatura.

Avarìa anca el cor contento

 

Cara la me Drita: gavaria anca el cor contento sel me ultimo amante nol se fosse ciamà folada de vento.

 

Cara la me colpìa da un brivido in meso a la via. Soto i piaseri dai scarni parché, faccende risapute, le cadute. Fa conto che i sia n'aspirina par un mal de testa da tol de torno, parché, domani, l'è sempre un altro giorno.

No go' fato in tempo a uscir da la disco

 

Cara Drita: non go' fato in tempo a uscir da la disco col me Homo, che i me l''ha sventrà come gnanca un pomo!

 

Anima mia, ferita mia: tuti semo pomi, e de varia qualità. Ghe nè de sani, de macà, e de bacà da vermi; e i vermi, i se driò destinarne al Grande Letamaio: ed è un guaio! Comunque sia, sappi che i vermi se magnarà anca fra de lori, ma lo stesso ghe sarà dolori!

L'è senza oggi

 

Cara la me Drita. L'è senza oggi, e ormai anche senza ieri, ma quando el sorride, el par senza pensieri.

 

  

Tesoro, me so innamorada anca mi de un sorriso. Tuto el resto l'era da butare, ma el gaveva un viso dove recitava tuta la so' follia. Non sensa la mia.

Go trovà Alì Babà

 

Cara Drita: go trovà Alì Babà. El ma portà, dove saria mejo che no fosse andà.

 

Signur! Non me dire che tè capità uno dei ladroni, vera! Dime: come galo fato a scardinarte el cuore? Disendote tesoro? Amore? Lo so che no te ghe credi miga. Lo so: l'e na fadiga.

Finalmente me so' libera

 

Cara Drita: finalmente me so' libera da tutte le pene. Finalmente me so' libera' da tute le cadene! El papa' l'aveva capìo, ma el restante mondo, Gesù, Gesù, quanto l'hè ancora indrìo! El parla tanto de la vita, el mondo, fissa' nel solito andar de tondo! Qua, ognuno sta, in quel chel sa! Abbracciame el papa'.

Nel me orto l'è spuntà un arbusto

 

Cara Drita: nel me orto l'è puntà un arbusto. No l'è de le nostre tere. El gà segni de altre ere.

 

Cara la me coltivatrice de le piante che non si dice. Tutti, semo stadi in una sola tera impiantadi. Ghe chi se lo ricorda piantandoghe el sedere, e ghe chi se lo ricorda come te fè ti: curando l'orto, dì par dì.

Anima piena sono stata

 

Cara Drita: anima piena sono stata, di una voce filtrata dal rosone di una chiesa.

 

Cara la me ciapada, da un'estasi vocale, cossì granda, da parer astrale. Quando gavemo bisogno de Luce, sparisse ogni ciesa: anca come casa. Solo resta, l'Attesa.

Na studentessa de non so ben che cosa

 

Na studentessa de non so ben che cosa, la me dise: cara Drita, no te pol miga farghe capire al Digo chel pol sostituire la so' manina co' na dona!

 

Caro el me libreto dele spiegassio xa fate. E' chiaro che na manina e na dona no le xe miga la stessa mona. Gnanca el Digo el pensa na' roba così coiona. El ga inteso dire che ora el vive n'affettiva indifferenziazione, quindi, ciapate sta lezione.

Invesse, na matura follia!

 

Cara Drita: ancora na volta, Cupìdo ga fato i sso' dani. Dati i me ani me l'ero messa via, invesse, na matura follia.....

 

... t'ha colpìo la vita, proprio a drita. Mia cara, non parché detto da l'oracolo, ma proprio parché te vivi el miracolo se pol dire che a qualsiasi età, vi è natività.

Go' trovà un amante.

 

Go' trovà un amante. El gà recità ben la so parte. El me costà solo trenta schei quela polpa, ma la m'ha lassà, un fondo de colpa.

 

Tesoro! Se l'è sta na cosa bela parché vòto rovinarla tuta quanta co' la novela de la virtù rimpianta. La puressa, l'è un'acqua, sensa le scorie de le nostre storie, ma, dirìa, che dovemo preoccuparse, del nostro tango, solo quando balemo, solamente, in mexo al fango.

La più bela de la coà l'è restà la!

 

Cara Drita: ieri sera, ero la più bela vita de la coà! Nonostante ciò, nessuno, s'è avvicinà. Dove, go' sbaglià?

 

Cara la me vanificà da n'eccesso de vanità. Podarìa esser vero, che nessuno s'è avvicinà parché la to sufficienssa metteva distansa.

M'ha ciapà el cuore ma non la passione

 

Cara Drita: m'ha ciapà el cuore, ma non la passione, un marocchino morbidone.

 

Mia cara: dovarissimo badar a la strada drita, no a quela de na passion, che la ne farà anca spasimare, ma non di meno affannare, sudare, incasinare, e, dicono, vivere. Giunta nel mexo del camin de la me vita, penso a la passion come penso la droga: per un attimo de su', niente che valga laggiù.

Amori e amati errori.

 

Cara Drita, parché in amore sbagliemo così tanto?

 

Mia cara: sbagliemo tanto in amore parché lo metemo nel cuore. Ben diversamente, lo dovaressimo metare ne la mente.

El m'ha dito che so la so' passion

 

Cara Drita: el m'ha dito che so la so' passion, ma el vardava na donina nuda a la television.

 

Animo, cara! Non vedo la competission! El sesso a la television nol mostra sentimenti veri, ma solo fantasmi de desideri. Alora, che passion voto che ghe sia verso na nuda fantasia! Al massimo, ghe quela del casso, ma, a sto punto permettame na domanda de tutto cuore: come te spojto, par el tuo... spettatore?

Tuoni, fulmini, e saette!

 

Tuoni, fulmini, e saette, cara Drita! Chel disgrassià lo fasso a fette! Nol m'ha piantà par l'ultima chel ga trovà!

 

Cara la me sorpresa nele bale, da n'omo che no te cale. Prima, l'è sempre caviale. Dopo, invesse, l'è el solito pesse. Morale dela fola: par mantegnere a lungo el passo, no bisogna stufare el casso.

El sono l'era poco

 

Cara Drita: el sono l'era poco, così, sensa freta, go fato un giro in bicicleta. Go trovà tante luci, poche voci, e i soliti pastroci.

 

Cara la me esploratrice del giorno sensa luce. A furia de girar la note in bicicleta te ghe finìo par vardarla scèta. Forse l'è ora che te meti da parte quel che te ghe salvà sogando le to carte.

L'amore, l'amore ma no la more mai!

 

Cara Drita: e dopo i dixe che la vita no ride! Te dirò na roba se no la te stride. Me sa' ligà n'omo chel ga' la parola come la sabia: no' la lassa tracce del tradimento parché lo cancela co' un sorriso de vento.

 

Cara la me vecia par na parola sola. Ogni amante usa la so magia, ma, tuti, tuti, no i fà in tempo a dirte funiculì - funiculà che in un attimo i ta' ciavà, incuranti del fato che il cuore ga' firmà. La ragione in amore perde la pena ma no le pene.

Amori ed errori

 

Cara Drita: Clarabella amò un cavallo!

 

Cara la me normalisada col naso sora el vaso! Clarabella amò un cavallo, sì, ma, non fu questo il fallo! Confondendo ottone e oro, sbagliò, parché lo vide toro!

Fumi e cortine

Ah, segnor! Sta sigareta! Sto ipnotico magheto che ne speta ad ogni tòco de ora, par darme na misura, de tranquillità. La vardo, sta pira strana, mentre la cala sino ai dèi. Pare che la te diga, t'amo, invesse, la scota solamente i pèi. Farne senza costaria solo un poco de pasiensa, ma, de piantarla lì no ghe coragio. Gnanca la fosse un fiol da metare in colegio.

 

La Drita (personaggio di una certa età) l'è na piassarota. Si dicevano  "piassarote" le venditrici di frutta e verdura in Piazza delle Erbe. Da buone popolane, tenutarie di saggezza oltre che di banco. Se è vero che per "tenutarie" si intendevano le maitresse delle Case chiuse, detti anche casini, non di meno si può anche dire "tenutaria" chi è "maitresse" di disordini e/o confusioni mentali, domiciliari e di vita, che in veneto si conglobano nel termine di casino/i. E' una donna colta, se per incolta intendiamo la persona che non ha tratto conclusioni dalle sue esperienze. Comunque stiano e/o si intendano le cose, anche la Drita è della stessa idea dell'autore:

 

convivere è necessario.

Condividere, non necessariamente.